subscribe: Posts | Comments

torta di pane – paesana

21 comments
torta di pane – paesana

Ma la torta paesana o di pane che dir si voglia piace solo a me??

No perchè io non sono molto da cioccolato ma di questa torta potrei mangiarne fino a stare male, l’ho sempre adorata, fin da bambina, ricordo che in panificio la guardavo ma non la compravo perchè ha un peso specifico incredibile ed un pezzettino..ino..ino costava
ed oggi che sono “grande”posso farmela come e quando voglio…

Non so perchè ma ogni volta che la faccio ripenso a me ragazzina….quei ricordi che ti si incastrano nella mente senza un motivo preciso

Torta di pane paesana

Torta di pane paesana

Questa è la ricetta che ho fatto già comprensiva delle mie varianti
Dose per stampo da 24/26 cm, trovo che sia il diametro e lo spessore giusto anche per rendere molto più omogenea la cottura
250 di pane raffermo
200 di amaretti
(se avete qualche biscotto da smaltire è l’occasione giusta)
100 di cioccolato fondente a pezzetti
30 di burro sciolto
1 uovo
80/90 di cacao amaro
un pizzico di sale
100 di zucchero
700 di latte (ma dipende molto da quanto ne assorbe il pane)
pinoli
uvetta precedentemente ammollata in acqua oppure rum (io ho usato il porto)

Spezzettare il pane in una ciotola e ricoprire di latte, lasciare riposare rigirando ogni tanto per 1 o 2 ore (io ho usato anche le mani per “impastare” per accorciare i tempi di riposo)
Aggiungere amaretti sbriciolati, burro fuso, cacao, uova, pizzico di sale, zucchero e cioccolato a pezzetti.
Pinoli ed uvetta.
Ungere la tortiera e cuocere in forno caldo 170°C per 40/50 minuti

Parte dei pinoli si possono anche mettere sulla superficie

e’ una ricetta classica brianzola

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
  1. ho un sacco di pane raffermo, conto di farla domani..m’ispira assai 😉

  2. buonaaaa! Anche mia mamma la fa, l’ha imparata da mia nonna (sua suocera, la sciura Recalcati :mrgreen: ), però non mette assolutamente il burro. Mia nonna però metteva un chiodo di garofano, che mia mamma ha eliminato subito, odiando le spezie.

  3. io la faccio da tanto tempo e c’è la ricetta in dispensa. anche la mia ricetta ( frutto di prove e riprove ) prevede i bianchi montati a neve

  4. Anche da noi si usa. E’ da tanto che non la faccio.. quasi quasi..

  5. Io le noci e i pinoli non li trito, rompo solo i gherigli a pezzi con le mani e lascio i pinoli interi.

  6. presto la proverò senza l’uovo!!

    mai assaggiata e ovviamente,mai fatta 😉

  7. oh ecco vedi non conoscevo nemmeno l’esistenza di una torta del genere!!!!benissimo almeno posso smaltire il pane raffermo che oltre al pangrattato non saprei cos’altro farci 🙁

  8. Mi avete messo in testa ‘sta torta di pane… però temevo venisse un mattone (visto che in un pò di interventi avevano detto “a me non piace”) e dunque ho trovato nel sito de La Cucina Italiana questa con gli albumi montati che quindi prevedevo più soffice…

    Torta di pane al cioccolato – Ingredienti e dosi per 6/8 persone:
    150 g di pane raffermo a pezzetti piccoli
    100 g di cioccolato fondente
    400 ml di latte
    80 g di zucchero
    3 uova
    50 g di burro
    50 g di frutta secca tritata a piacere (mandorle, nocciole, noci, pistacchi, pinoli)
    un pizzico di sale
    pangrattato
    cacao

    Ammollare il pane nel latte. Sciogliere a bagnomaria il fondente tagliato a pezzetti con poco latte. Montare i tuorli con la metà dello zucchero; unire al pane strizzato un pizzico di sale, i tuorli, il burro e la frutta secca tritata. Incorporare il cioccolato fuso a bagnomaria ormai tiepido.
    Completare con gli albumi delle uova montati a neve con lo zucchero rimasto, mescolando delicatamente e lasciando che il composto risulti non completamente amalgamato.
    Versare in una tortiera di cm 24 di diametro, ben imburrata e spolverata di pangrattato. Cuocere a 180 °C per 40 minuti circa. Sformare, raffreddare, spolverare con cacao e servire con panna montata e confettura di frutti di bosco.

    L’ho fatta prima di cena con una piccola variante: solo 20 gr. di pinoli e mandorle (in effetti ci stan benissimo, ma mi servivano anche per domani) e in aggiunta 30 gr. di amaretti sbriciolati.

    Buona, per niente mattone, per niente dolce (un pò di zucchero in più sarebbe meglio anche per me che non amo le cose troppo dolci) è piaciuta anche a marito e figlia.

    Link del video: http://www.lacucinaitaliana.it/video/ricette/dolci-da-forno/torta-di-pane-al-cioccolato

  9. Ma sai che non la conoscevo proprio? Una mia amica la faceva con le mele, ma era un mattonazzo stratosferico.

  10. E’ in assoluto la mia torta preferita, quella che facevano la mia mamma e la nonna.
    Non ho le dosi perche’ la faccio da quarant’anni ormai e vado a occhio, la mia prevede:
    Pane raffermo, 5/6 panini
    Latte per ammollare il pane
    Zucchero a gusto
    2 uova
    Cacao amaro
    Noci, pinoli e uvette

    Si mescola tutto e poi in forno a 180 per…boh, direi 45 min, rimane morbida quando e’ calda poi si rapprende man mano che si raffredda.

  11. Questa è la ricetta che ho fatto già comprensiva delle mie varianti
    Dose per stampo da 24/26 cm, trovo che sia il diametro e lo spessore giusto anche per rendere molto più omogenea la cottura
    250 di pane raffermo
    200 di amaretti
    (se avete qualche biscotto da smaltire è l’occasione giusta)
    100 di cioccolato fondente a pezzetti
    30 di burro sciolto
    1 uovo
    80/90 di cacao amaro
    un pizzico di sale
    100 di zucchero
    700 di latte (ma dipende molto da quanto ne assorbe il pane)
    pinoli
    uvetta precedentemente ammollata in acqua oppure rum (io ho usato il porto)

    Spezzettare il pane in una ciotola e ricoprire di latte, lasciare riposare rigirando ogni tanto per 1 o 2 ore (io ho usato anche le mani per “impastare” per accorciare i tempi di riposo)
    Aggiungere amaretti sbriciolati, burro fuso, cacao, uova, pizzico di sale, zucchero e cioccolato a pezzetti.
    Pinoli ed uvetta.
    Ungere la tortiera e cuocere in forno caldo 170°C per 40/50 minuti

    Parte dei pinoli si possono anche mettere sulla superficie

    e’ una ricetta classica brianzola

    Personalmente non la trovo eccessivamente dolce e poi il contenuto di uova e burro (che peraltro in molte ricette non c’è) è minimo
    Noi di pane raffermo ne abbiamo sempre perchè abitualmente non congeliamo pane quindi bene o male questa torta è un’ottima alternativa per smaltirlo

  12. io faccio quella di moorea ma dammi anche la tua ricetta!

  13. Eh, eh…anche noi di solito scongeliamo solo quello che serve, ma a volte ne avanza, e anche solo un pezzo un giorno, un pezzo un altro, si accumula 😉
    o quando vengono i miei suoceri ne portano magari tanto e poi avanza…di solito ci faccio i canederli però un’alternativa dolce (che non sia appunto la torta paesana) mi piacerebbe…

  14. @fran73 wrote:

    sarebbe un buon modo per smaltire i kg di pane secco che ho nel sacchetto :uaz:

    Per quello ci pensano le galline del mio vicino di casa ed in cambio rimedio uova ed a volte pomodori dell’orto 😉

  15. io l’adoro, ma noi non abbiamo mai pane avanzato, perchè scongeliamo solo quello che ci serve…

  16. A me non fa impazzire, la mangio se c’è, ma non mi esalta affatto.

    Ed è un peccato perché sarebbe un buon modo per smaltire i kg di pane secco che ho nel sacchetto :uaz:

  17. Io la adoro! Da cittadina, l’ho scoperta tardi, quando mi sono sposata e mi sono trasferita fuori città. Non ho mai provato a farla però. Ora che mi ci fai pensare, domenica è la festa del paese vicino, devo fare un incursione in panetteria… 😀

  18. ma la ricetta? quanto è dolce?
    grazie mille

  19. La cercavo qualche giorno fa – nella versione senza cioccolato, ma mi …adatto 😉 – ma in rete ho trovato ricette talmente diverse che ho lasciato stare.

    Su, posta la ricetta!

  20. Che buona si dai metti la ricetta

  21. non la conosco?? 😳

    ma pperchè non metti la ricetta? :mrgreen:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti