subscribe: Posts | Comments

Pastiera facile ma deliziosa

11 comments
Pastiera facile ma deliziosa

Ecco la versione di tutte le pastiere che ho fatto negli anni che mi ha soddisfatto di più… E’ la semplificazione di varie ricette mischiate e con dosi di uova e zucchero drasticamente ridotte. Lo zucchero è di canna.

Pastiera Napoletana rielaborata da una piemontese che vive a Roma e ha sposato un americano

Ingredienti:
1 confezione di grano per pastiera da 400 gr (io ho usato la Chirico)
500 gr di farina 0
160 gr di burro
Mezzo cucchiaino di lievito
8 uova
550 gr di zucchero di canna (150 per la frolla e 400 per la crema)
700 gr di ricotta
La scorza di un limone
1 fialetta di essenza di fiori d’arancio per pastiera
100 gr di latte
70 gr di cedri canditi

La pastiera di Susanna

La pastiera di Susanna

PASTA FROLLA
Mescolare nell’impastatrice 150gr di burro, 500 di farina, mezzo cucchiaino di lievito, 150 gr di zucchero di canna, 3 uova. Far riposare in frigo mezz’ora, poi rivestire due teglie. Avanzate un po’ di frolla per fare le decorazioni.

CREMA DI GRANO
Mescolare il grano precotto, la scorza grattugiata di mezzo arancio e 100 gr di latte. Far scaldare sul fuoco finchè non diventa una cremina.

CREMA DI RICOTTA
Sbattere nel mixer 700 gr di ricotta, 5 uova, 400 gr di zucchero di canna, l’aroma di fiori d’arancio. Unite. il cedro candito e il resto della scorza d’arancia grattugiata.

COMPOSIZIONE
Aggiungete la crema di grano e versate il composto negli stampi di frolla. Decorate con strisce di frolla o formine di frolla (io ho fatto i coniglietti).
Cuocere per 180° per circa un’ora.

visto 1234 volte

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
  1. io l’ho fatta ma ho dimenticato di mettere le uova :***:
    però era buona lo stesso :mrgreen:

  2. Grano:
    • 500 gr. di grano per pastiera (marca miele)
    • 800 gr. di latte
    • 1 noce di burro
    • 2 arance e 2 limoni
    • 3 bustine di vanillina

    Ripieno:
    • 600 gr. di ricotta di pecora
    • 320 gr di zucchero
    • 2 bottiglie da 60 cl di fiori di arancio
    • 300 gr. di canditi a pezzettini: arancia, zucca(cucuzzata), cedro
    • 3 uova intere + 5 tuorli
    • 1 pizzico di sale
    • 1 pizzico di cannella

    Pasta frolla:
    • 270 gr. di farina
    • 100 gr. zucchero
    • 90 gr. burro
    • 45 gr. sugna
    • 2 uova intere + 4 tuorli
    • 1 pizzico di sale
    • 1 pizzico di bicarbonato
    • 1 buccia di arancia grattugiata
    • 1 goccio di marsala

    Si comincia dal grano (che si può fare anche il giorno prima e lasciare riposare): cuocere a fuoco lento, per circa 2 ore il grano con 800 gr latte di latte, 1 noce di burro, la buccia di 2 limoni e 2 arance, 2 cucchiai di zucchero e 3 bustine di vanillina finchè non viene assorbito il latte (si cuocerà prima, ma il latte deve assorbirsi tutto).

    Pasta frolla: mescolare gli ingredienti della pasta frolla con una frusta, lasciarla raffreddare in frigo

    Ripieno: Passare la ricotta al setaccio facendola cadere in una capiente terrina, aggiungere lo zucchero (anche con le fruste).
    Aggiungere, uno alla volta, gli 8 tuorli (rosso) d’uovo, poi aggiungere il grano, l’acqua di fiori d’arancio, un pizzico di cannella, frutta candita tagliata a dadini piccolissimi e per ultimo l’albume delle 3 uova montate a neve, con un pizzico di sale.

    Stendere 2/3 di pasta frolla sottile su un foglio di carta oleata, (il resto serve per le strisce) poi girarla in una teglia (tipo frittata) aggiustarla con le mani, versare l’impasto.

    Fare le striscioline di pasta frolla e metterle sopra, a griglia.

    Infornare per un’ora e mezza circa (a 160°) finchè il ripieno non è completamente asciutto.
    Non va tolta mai dal tegame (che dovrebbe essere quello basso in ferro stagnato)

  3. Qui ce ne sono 3 di pastiere, a fennec l’onere di dire quale è la più napoletana 😀

    post7342879.html#p7342879

  4. be, cacciate le ricette, ragazzuole partnenopee. Ma vi pare che debba postare la ricetta una polentona come me mentre voi ce le raccontate solo le vostre ricette? :uaz:

  5. comunque nella pastiera non si mette la crema pasticcera

  6. Io sono napoletana e la faccio quasi come la tua…

  7. Fennec> La ricetta è rielaborata (togliendo zucchero e uova, principalmente) dalla ricetta chirico e altre, very original partenopey….

    Chiara> Mi ero scordata le uova nella frolla eh eh eh, grazie!

    Pea> L’essenza di fiori d’arancio è tipica della pastiera, ma ci sono vari tipi in commercio, alcuni dal gusto forte, altri meno.
    Altrimenti lo levi del tutto e fai una torta di ricotta, grano e canditi che è cmq buonissima.

    Questa ricetta è abbastanza veloce (e più leggera), paragonata a quella con la crema pasticcera.
    Ne ho fatte 2 e le ho portate a due pranzi (una poi è stata divisa e portata ad un’altra cena) e dappertutto è stata graditissima. Unico neo, essendo con lo zucchero di canna non era bianca, ma più scuretta (che a me non dispiace per niente). Nulla vieta di tornare all’originale con zucchero bianco, ma io diminuirei di un ulteriore 20% lo zucchero.

  8. @Pea73 wrote:

    Fennec ma la Pastiera non si potrebbe fare SENZA fiori d’arancio? mi stomaca, soprattutto se “esagerano” (una zia di mia cognata è di Napoli e quando viene a Pasqua la porta ma….. quel “profumo” mi dà un fastidio esagerato)

    no ma si può mettere senza esagerare :mrgreen:

  9. ma scusa, delle 8 uova citate negli ingredienti nella ricetta se ne trovano solo cinque…

    (ho fatto solo una volta la pastiera, un dolce che qui è quasi esotico. Ma ho mangiato stamattina due fette di un’ottima pastiera fatta da una collega napoletana).

  10. Fennec ma la Pastiera non si potrebbe fare SENZA fiori d’arancio? mi stomaca, soprattutto se “esagerano” (una zia di mia cognata è di Napoli e quando viene a Pasqua la porta ma….. quel “profumo” mi dà un fastidio esagerato)

  11. io cancellerei napoletana…
    tzè

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti