subscribe: Posts | Comments

Mini cheesecake ai mirtilli

25 comments
Mini cheesecake ai mirtilli

Qualche giorno fa avevo prodotto la torta al cioccolato senza burro, senza uova, senza latte, senza lievito e senza glutine. Ne era avanzata un quarto circa che restando all’aria si era seccata. Non volevo certo buttarla e quindi ho pensato di riutilizzarla per produrre delle mini cheesecake ai mirtilli questa volta con burro senza lattosio, philadelphia senza lattosio e panna vegetale da montare.

Ingredienti per  4

mini cheesecake ai mirtilli

  • 3 fette di torta al cioccolato o, in alternativa,  due biscotti digestive per cheesecake o qualche altro biscotto che avete in dispensa
  • 100 gr di burro senza lattosio
  • 1 confezione di philadelphia senza lattosio
  • 100 gr di panna vegetale dolce Hoplà
  • 2 cucchiai di malto di riso
  • 2 cucchiai di sciroppo d’acero
  • 80 gr di mirtilli freschi
  • 3 gr di agaranta (agar agar)
  • 3 cucchiaini di marmellata di mirtilli

Tempo di preparazione: 20 minuti

Procedimento

Frullate gli avanzi di torta o i biscotti, uniteci il burro fuso e con i coppapasta formate il primo strato sul fondo, schiacciando per bene con l’apposito attrezzino o con un cucchiaino o con le dita.

preparate la base delle cheesecake con i coppapasta

preparate la base delle cheesecake con i coppapasta

In una terrina montate la panna vegetale e tenetela da parte, in altra ciotola versate il philadelphia e aggiungeteci il malto di riso e lo sciroppo d’acero.
Mescolate, aggiungeteci la panna vegetale montata e con le fruste amalgamate bene la crema.

iin una ciotola versate il philadelphia e aggiungeteci il malto di riso e lo sciroppo d'acero

in una ciotola versate il philadelphia e aggiungeteci il malto di riso e lo sciroppo d’acero

Mettete la crema dentro i coppapasta lasciando un bordo non troppo alto a disposizione per la gelatina di mirtilli

Mettete la crema dentro i coppapasta

Mettete la crema dentro i coppapasta

Coprite con la pellicola e riponete in frigorifero.

In un pentolino mettete tre grammi di agar agar che è un gelificante naturale ottenuto dalle alghe e stemperatelo in 250 gr di acqua, ponete il pentolino sul fuoco e sempre mescolando, fatelo bollire due minuti. Aggiungete la marmellata di mirtilli e i mirtilli freschi.

Fate raffreddare un po’, poi tirate fuori dal frigo le formine e ricopritele con i mirtilli in gelatina, che sarà ancora liquida ma si rassoderà in frigorifero, ricoprite con la pellicola e riponete in frigo.

Dopo un’ora circa saranno impiattabili e presentabili a tavola. Buonissime queste mini cheese cake ai mirtilli e davvero molto, molto carine 🙂

Mini cheesecake ai mirtilli

Mini cheesecake ai mirtilli

Mini cheesecake ai mirtilli

Mini cheesecake ai mirtilli

Mini cheesecake ai mirtilli

Mini cheesecake ai mirtilli

 

visto 1080 volte

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (5 votes cast)
Mini cheesecake ai mirtilli, 10.0 out of 10 based on 5 ratings
  1. Bella l’idea di farla senza lattosio!

  2. Lidia Atanasio says:

    Complimenti super delizioso!!

  3. Questa la provo!!!

  4. Veramente una bella ricetta!! Mi hai fatto venire fame!

  5. Buonissime e particolari!!!

  6. mamma mia che golose! E’ una gran bella idea usare gli avanzi di pds! Da provare!!!

  7. Buonaaaa!!!!

  8. Che meraviglia Debora, mi sa tanto che ti copio anche questa ricetta. Il mio unico problema è che con l’agar agar non riesco ancora ad utilizzarlo al meglio, i dolci mi vengono troppo compatti, dovrò esercitarmi con te quantità e il calore giusti!

    • Italia cara, pensa che questo è stato il primissimo esperimento per me nell’uso dell’agar agar e devo dirti che ne sono stata pienamente soddisfatta. Nel ho usato pochissimo, la punta di un cucchiaino sciolto a parte in un gocciolino d’acqua prima di buttarlo dentro alla quantità d’acqua totale, funziona alla grande 😀 e per le ricette vegane in cui spesso ti lanci, è fondamentale perché non puoi usare la colla di pesce. Bacioni!

  9. Sono bellissime!! E sicuramente buonissime 🙂

  10. Maria says:

    L’ho assaggiata: è spietatamente buona.
    E brava la fondatora. Continua così

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti