subscribe: Posts | Comments

Migliaccio campano

1 comment
Migliaccio campano

Devo alla mia amica Daniela, napoletana doc, la scoperta di questo dolce squisito che non conoscevo, e che ho sperimentato ieri con successo. E visto che è un tipico dolce di Carnevale lo propongo a chi non lo conoscesse (escluse quindi persone come Fennec, che sicuramente ne sanno più di me  😀 ).
In pratica il migliaccio è una versione più semplice, e molto più rapida da fare, della pastiera: manca il guscio di pastafrolla e il grano è sostituito dal semolino, ma gli altri ingredienti sono quelli e il sapore è abbastanza simile. Tecnicamente direi che può essere considerato un flan.

Ingredienti (per 8-10 persone):

800 gr di latte, 150 grammi di semolino, 300 gr di zucchero, 4 uova grandi, 50 gr di burro, 450 gr di ricotta per dolci (pecora o mista mucca-pecora), sale, scorzetta grattugiata di un limone, essenza di vaniglia, acqua di fior d’arancio, 70-100 gr di scorzette candite di cedro e arancio (facoltative), burro e farina per lo stampo.

Portate all’ebollizione il latte, il burro, la scorzetta di limone grattugiata, un pizzico di sale e 100 gr di zucchero. Togliete dal fuoco, versate a pioggia il semolino, mescolate bene, riportate sul fuoco e cuocete girando un minuto o due, finchè non si è addensato. Togliere dal fuoco e fate raffreddare.
Sbattete a spuma le uova col restante zucchero, l’essenza di vaniglia e l’acqua di fior d’arancio. Passate al setaccio la ricotta (operazione noiosa ma indispensabile, non eliminatela e non sostituite assolutamente il setaccio col frullatore) e incorporate poco alla volta il composto di uova.
Mescolate bene, poco alla volta, il composto di uova e ricotta con quello di semolino, girando col cucchiaio finchè non ci sono più grumi.
Se li usate, infarinate leggermente i canditi e aggiungeteli.
Imburrate e infarinate una teglia rotonda antiaderente con cerniera da 24-28 cm. versatevi il composto, livellatelo con un coltello e cuocete in forno già caldo a 180° per circa 50 minuti o comunque finchè la superficie è ben colorita.
Sformate, fate raffreddare completamente e spolverate di zucchero a velo prima di servire.

Gogglando ho trovato versioni leggermente diverse per variazioni nella proporzione degli ingredienti o per l’aggiunta di altri aromi: cannella, scorzetta d’arancia, millefiori, liquore Strega.
Anche la quantità di zucchero di solito è maggiore, ma io l’ho ridotta (come faccio con tutti i dolci meridionali) perchè non amo i sapori troppo stucchevoli.
La mia amica mi dice anche che in teoria le uova non andrebbero aggiunte come tali, ma preparando una crema pasticciera con zucchero, latte e un po’ di farina, e mescolando quella alla ricotta: a me è parsa una complicazione inutile, ma mi piacerebbe sapere da eventuali esperte se ne vale la pena considerato che fatto con la ricetta che ho seguito io viene buonissimo :love

Ecco la foto:

Migliaccio campano

Migliaccio campano

visto 218 volte

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
  1. @HEART75 wrote:

    hai mica la conversione per il bimby????

    Yes, in rete ho trovato anche quella:

    MIGLIACCIO DOLCE

    600 gr. Latte
    500 gr. Ricotta
    400 gr. zucchero
    150 gr. semola
    50 gr. burro
    50 gr. canditi
    4 uova
    1 bustina vanillina
    1 fiala millefiori(io al posto della millefiori, uso del liquore STREGA)
    1 pizzico di cannella e 1 di sale

    PROCEDIMENTO

    Inserire nel boccale semola, latte burro e sale 5 min. 90° vel. 3/4 lasciar
    raffreddare bene.
    Aggiungere uova, scorza di limone, zucchero, ricotta, vanillina, millefiori
    (o STREGA) e cannella 30 sec. 4/5 spatolando. Introdurre i canditi 10 sec.
    vel.4, versare il composto in una teglia imburrata e infarinata, cuocere a
    forno preriscaldato a 180° per circa 1 ora.
    Lasciar raffreddare e cospargere di zucchero a velo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti