subscribe: Posts | Comments

Marmellata di frutti di bosco e mirtilli (zucchero limitato)

6 comments
Marmellata di frutti di bosco e mirtilli (zucchero limitato)

I bimbi mi sono tornati a casa da una delle loro esperienze estive con un ciotolone ciascuno di frutti di bosco (mirtilli, ribes, etc.). Visto che in frigo tutto ciò avrebbe fatto una brutta esperienza, ieri ho provato la mia prima marmellata dei suddetti frutti a modo mio, cioè con pochi zuccheri.
Nella mia idea volevo farlo come la Risoni Asiago, cioè con zucchero proveniente da mela, e basta. Ma non ho osato fino a tanto.
Pesati i frutti, era un kg giusto giusto: ho aggiunto 250 gr zucchero di canna, tre mele tagliate a cubetti, fatto cuocere per un 45 minuti, frullato il tutto e invasato.
Ora attende la prova.. gusto: che ne pensate?

Poichè i bambini torneranno anche questa settimana con un altro chiletto di frutti rossi, che mi suggerite come altro esperimento?
Come fate voi la marmellata di mirtilli e affini?

visto 557 volte

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
  1. I mirtilli hanno i semini, ma sono piccini piccini :mrgreen:

    Io invece, con le more perlomeno, mi trovo bene a frullare a metà – la prima volta avevo fatto cuocere troppo e le more erano rimaste intere mentre lo sciroppo si era caramellato stotoink!
    Da allora faccio cuocere un 15-20 minuti, frullo e poi continuo la cottura fino a consistenza adeguata 😉

  2. Allora, vi aggiorno: oggi alla prova apertura vasetti, la marmellata è risultata buona, nè troppo dolce nè troppo aspra (proprio per niente anzi: è piaciuta molto ai bambini, per dire), di consistenza buona.
    Chiara, avevo pensato anche io che fare dei semini.. alla fine non ho filtrato, anche perchè per circa 50% erano mirtilli, quindi senza semi (giusto?). Ho frullato invece anche io al 45 ° minuto di cottura col minipimer.

    Se i pargoli mi riportano a casa anche qs settimana il loro kg di frutti rossi, replico esattamente così (1kg di frutti; 250 zucchero; 3 mele- cuocere per 45 minuti- frullare e invasare), perchè – un po’ a caso- sono dosi che funzionano (per i nostri gusti, eh, noi non amiamo marmellate dolcissime)

  3. Io invece le frullo con il minipimer :mrgreen:

  4. la marmellata di lamponi la faccio o con il Gelierzucker, con metà zucchero rispetto alla frutta, o con la pectina 3:1, e non viene mai troppo dolce. Va passata però, o è un agglomerato di semi quasi immangiabile. Io non ho il passaverdura, la filtro bollente in un colino a cono prima di invasarla, poi aggiungo un cucchiaio dei semi rimasti per ogni vasetto.

    Per i mirtilli, occhio: sono ricchissimi di pectina da soli, non serviva aggiungere la mela o altro; ricordo da ragazzina una marmellata di mirtilli fatta con pectina che era così dura da non riuscire a toglierla dal vasetto…

  5. All’assaggio a me sembrava dolce, ma ho invasato in fretta. Poi mi volto per assaggiare meglio i residui nella pentola e ..zac.. la trovo sotto l’acqua, che il marito aveva le smanie del riordino.
    Domani volevo aprirne un vasetto per colazione poi farne una crostata .. ti dirò.

  6. Da noi i mirtilli non arrivano alla marmellata 😆

    Io d’estate faccio sempre quella di more perchè ne prendiamo a kili.
    Metto un po’ più di zucchero (350-400 per kg di frutta, a seconda di come sono le more) ma in effetti non metto le mele.

    Ma l’hai assaggiata quando l’hai invasettata?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti