subscribe: Posts | Comments

Tartare passepartout

2 comments
Tartare passepartout

Vabbè è una dadolata di verdure multiuso, ma io volevo fare la fighetta con la nouvelle cousine :mrgreen:

Oggettivamente una cosa molto banale, ma così pratica da piazzare ovunque che secondo me ne vale la pena.
Naturalmente io ho metto una serie di verdure, voi potete aggiungere o togliere quelle che volete

Ingredienti:
peperone rosso
peperone giallo
zucchine
carote
cetrioli
finocchi
cipolle
soluzione acida per condire.

Lo so che affettare a dadini le verdure è una gran scocciatura, ma la parte brutta di questa ricetta è proprio questa :sorry
Vabbè cominciamo.
Intanto tagliamo la cipolla che metteremo in un contenitore con acqua e ghiaccio per almeno un’oretta per renderla digeribile.
Poi procediamo con tutte le altre verdure. Uniamo la cipolla e la famosa soluzione acida che non è altro che acqua mischiata con limone, o aceto, o aceto balsamico (io uso la  vinaigrette di Mildred) che permette alle verdure di mantenersi belle fresche e croccanti, mischiamo bene e mettiamo in frigo.
Non occorre che siano completamente immerse, basta solo per metà e mischiare bene prima di servirla.
La cosa bella è che la dadolata si mantiene fino a 4/5 giorni senza tartareminimamente perdere la freschezza e la croccantezza.

 

E ora che ci facciamo con questa dadolata oltre a mangiarla in insalata aggiungendoci pomodorini freschi e erbe aromatiche e un filo di olio buono?

Ce la gustiamo con del formaggio fresco
tartare1

possiamo condirci il farro, l’orzo, il riso
tartare2

oppure il couscous cotto a freddo come ci ha insegnato chiara
tartare3

e perchè no, le tortillas
tartare4

E poi la panzanella, la pasta fredda e poi…… e poi……

 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
Tartare passepartout, 10.0 out of 10 based on 1 rating
  1. come sarebbe il cous cous cotto a freddo??? :-O

    • Immergi il cous cous nel doppio del suo peso di acqua fredda. Dopo una mezzora l’avrà completamente assorbita, lo sali e sarà pronto per essere condito come vuoi tu.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti