subscribe: Posts | Comments

Risotto strepitoso basilico philadelphia

13 comments
Risotto strepitoso basilico philadelphia

Stasera abbiamo fatto la cena per la mia nonnina 😀 e come primo piatto ho improvvisato un risotto che ha avuto un successone: è molto veloce da fare ed è anche facilissimo 🙂

Fate un soffritto con cipolla e olio, tostate il riso un minuto, aggiungete mezzo bicchiere di vino bianco e fate sfumare, cominciate a mettere il brodo vegetale un mestolo alla volta.

Dopo circa 10 minuti aggiungete 4-5 cucchiaini di pesto alla genovese, una manciata di foglie di basilico sminuzzate(anche surgelate vanno bene) e mescolate bene, fate cuocere ancora un po’ aggiungendo brodo…

Verso fine cottura unite un panetto di philadelphia e fatelo sciogliere, una volta cotto spegnete tutto e aggiungete un cucchiaio di panna per mantecare 🙂 è buonissimo provatelo, mia mamma l’ha divorato e l’ha eletto a suo primo preferito.

basilico

visto 368 volte

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
  1. Da provare se non è stasera potrebbe essere domani sera, avevo giusto intenzione di preparare il pesto homemade

  2. fatto oggi: tutti contenti! 🙂

    basilico e pesto messo alla fine.. non avevo il phila e ho mantecato con poco asiago tagliato finissimo e parmigiano

  3. bhe Susa, io sono Lombarda ma non è che mangio tutti i giorni la cassola o polenta e brusciti ( grazie al cielo), probabilmente anche i liguri non mangiano pesto tutti i giorni… ( a me piace un sacco io lo faccio anche una volta la settimana in estate), poi probabilmente l’accorgimento di mangiare piante adulte è sufficiente, secondo Veronesi almeno mi pare di aver capito… poi alla fine sembra che siamo circondati da cibi potenzialmente cancerogeni, la roba alla brace… ad esempio.. sigh… e quanto mi piace… credo davvero che l’unica soluzione sia mangiare tutto alternando molto, variando il più possibile…

  4. poveri liguri, tutti morti… :aris

  5. in realtà da quanto mi risulta non è che il basilico diventi tossico in cottura, è tossico di per se perchè contiene una sostanza ritenuta cancerogena.
    pare che contengano alte concentrazioni di questa sotanza solo le piante piccole e giovani (come difesa dai parassiti) quindi meglio non consumarle, mentre le piante adulte, con altezza superiore ai 10 cm ne contengano una percentuale molto inferiore
    come in tutte le cose meglio non esagerare, pesto ogni tanto si , pesto tutti i giorni no

    d’altra parte ultimamente tra batteri killer e sostanze tossiche negli alimenti si finisce per non capirci più nulla….

  6. idea fantastica. Provero’ sicuramente visto che a mio figlio il pesto piace da morire!
    grazie!!!

  7. a me capita di usare il philadelphia (io prendo quello monoporzione) al posto del burro proprio per dare una bella mantecata e soprattutto fare in modo che si formi una bella cremina!

  8. Il pesto non andrebbe mai cotto, per una questione di sicurezza, se non erro pare possa essere cancerogeno, quindi meglio metterlo alla fine!
    Comunque pare ottimo, lo proverò!!!

  9. è un’idea da provare per un risotto estivo. anch’io avrei messo il pesto in finale di cottura, insieme al basilico (rigorosamente fresco) e avrei mantecato direttamente col philadelphia per un paio di minuti (o con la robiola, viene bello cremoso)

  10. gnam gnam , mi sa che lo rpovo anch’io! stavo giusto cercando qualche suggerimento sfizioso prima di andare a far da mangiare… grazie mille x l’idea!! (visto che lo devo dare alla mia picci però, io uso il pesto senza aglio…)

  11. @susanna_a wrote:

    quindi il pesto lo fai cuocere una decina di minuti? Io avrei aggiunto pesto e phila all’ultimo, per conservare il profumo…
    Certo sembra una delizia…

    Io l’ho messo quasi subito ma sicuramente puoi anche aggiungerlo alla fine, non credi cambi il risultato finale 😀 comunque è profumatissimo davvero 😀 poi magari si può fare con il phila alle erbe se proprio si vuole esagerare 😉 o con phila al salmone e panna al salmone 🙂

  12. quindi il pesto lo fai cuocere una decina di minuti? Io avrei aggiunto pesto e phila all’ultimo, per conservare il profumo…
    Certo sembra una delizia…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti