subscribe: Posts | Comments

Risotto agli asparagi di campo e robiola

3 comments
Risotto agli asparagi di campo e robiola

Naturalmente se non avete la fortuna di trovare gli asparagi di campo potete usare quelli normali! La parte dura dei gambi non la potrete mangiare, ma vi servirà per rendere il risotto ancora più saporito.

 

Ingredienti, per 4 persone:

300 gr di riso Carnaroli o Vialone Nano (non usate assolutamente l’orrendo Arborio, o vengo a casa vostra a percuotervi col mestolo)

Un mazzo di asparagi

uno scalogno o una piccola cipolla rossa

50 gr di burro

mezzo bicchiere di vino bianco secco

100 gr di robiola

brodo vegetale qb

sale e pepe

Dividete le punte e la parte tenera dei gambi degli asparagi dalla parte dura dei  gambi. Tagliate  le parti tenere a rondelle. Mettete  i gambi duri nella pentola del brodo che userete per fare il risotto e fateli  sobbollire, in modo da insaporire il brodo.

Tritate lo scalogno o la cipolla e fatelo soffriggere nel burro. Aggiungete le rondelle di asparago e fatele rosolare, quindi aggiungete il riso, fate tostare, sfumate col vino e quindi proseguite la  cottura come al solito, usando il brodo aromatizzato con i gambi.

Interrompete la cottura quando il riso è ancora molto al dente. Regolate di sale e pepe, aggiungete la robiola e un mestolo di brodo; mescolate finchè la robiola è sciolta, chiudete col coperchio e lasciate mantecare dieci minuti, quindi portate in tavola!

NB in questo risotto io non metto grana, perchè trovo che  con la sola robiola il gusto rimanga più delicato e non copra quello degli asparagi. Voi ovviamente fate come volete 🙂

P1310341

visto 279 volte

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
  1. Mi hanno giusto portato degli asparagi selvatici. Sono pochi, ma integro con quelli normali e copio questa ricetta.

  2. Io ho in programma per pranzo la variante minimal… con asparagi “del mercato” e senza robiola 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti