subscribe: Posts | Comments

Tagliolini con ragù bianco di spigola e fave

8 comments
Tagliolini con ragù bianco di spigola e fave

Eccomi qua, dopo infinite promesse alla capa fondatrice di questo blog, inserisco la mia prima ricetta. Come vedete dal nick name che ho scelto, sono uno che con la cucina ha poco a che fare, ma mi piace mangiare (e si vede), il buon vino e l’ottima compagnia. Mi diletto tra i fornelli mettendo in pratica ricette trovate sul web, provando alcuni piatti mangiati in qualche ristorante e modificandoli secondo la mia mente “bacata”.

Non aspettatevi 100 gr di questo, 55 dell’altro o robe di questo genere, io vado a sentimento e, a mio avviso, così deve essere la cucina, passione e un piatto non deve essere la solita minestra. Ci vuole amore.

Bene, questo è un primo di facilissima realizzazione ma di ottima resa. Gli ingredienti per quattro persone, circa questi:

Una spigola media, ovviamente fresca

Quattro manciate di fave, se le trovate fresche buono sennò vanno benissimo anche quelle surgelate (io uso Bofrost)

Uno spicchio d’aglio

Pecorino dolce stagionato (da grattugiare)

Ok, passiamo alla realizzazione:

Sfilettate la spigola o fatevela sfilettare. Evitate di prendere i filetti già sul banco, di solito sono del pesce più vecchio. Tagliate a dadini i filetti. In una padella, capiente perchè poi ci spadellerete la pasta, con un giro d’olio EVO (erano anni che volevo usare ‘sto idioma) fate andare a fuoco lento l’aglio in camicia. Poco dopo unire i dadini di filetto e cuocerli a fuoco lento, facento attenzione a non rosolarli.

In acqua bollente e salata sbollentate le fave seguendo le istruzioni sulla confezione, di solito bastano 6 minuti. Scolatele, raccogliendo l’acqua di cottura per cuocere la pasta, raffreddatele sgusciatele e passatene una parte (circa 1/3) col frullatore ad immersione assieme ad un po’ d’acqua di cottura, ottendo una crema non troppo liquida.

Unite la crema alla padella col ragù di spigola e fate insaporire il tutto. Spegnete il fuoco e togliete l’aglio.

Cuocete la pasta e a cottura ultimata aggiungete un po’ d’acqua di cottura al condimento, scolate la pasta e spadellatela assieme al condimento fino ad assorbire l’acqua di cottura.

Impiattate e gratugiare con una grattugia a fori grossi un po’ di pecorino…….

Buon appetito

Pasta con ragù bianco di spigola e fave

Pasta con ragù bianco di spigola e fave

visto 1080 volte

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
Tagliolini con ragù bianco di spigola e fave, 10.0 out of 10 based on 2 ratings
  1. Salve a tutti .. io sono nuova e questo sito mi piace davvero molto perchè amo cucinare e qualcuno dice che ci riesco anche benino 😉
    Questa ricetta credo la proverò presto..
    Buona giornata a tutti voi
    Laura

  2. Wow Un maschietto. Ottimo esordio, questa ricetta è veramente da copiare, insieme all’antipastino che ho appena scorto.

  3. benvenuto!
    Questa ricettina mi ispira moltissimo!

  4. Cuoco è una parola grossa, mi piace mangiar bene e cerco anche di farlo nel migliore dei modi. Di piattini di gnam gnam buoni ne ho, un po’ alla volta li posterò tutti.
    La divisa gialla del mio avatar mi porta via tanto tempo, che dedico volentieri perché rivolto a chi ha bisogno, quindi quello che ne rimane è poco, vedrò di sfruttarlo al meglio. Vi anticipo la prossima, ostriche allo zabaione salato facile facile ma buona buona.

    • la definizione “piattini gnam gnam” me piase, in inglese ailaic! 😀
      Quello che fai con la tutina gialla è importantissimo, e personalmente ringrazio te e i tuoi colleghi per il generoso impegno!
      Però, visto che hai nominato “ostriche”, ovvero la mia passione, ti tocca metterla per certo 😛

  5. Fantastica premessa che condivido, se non si usa amore in cucina, la cosa non funzione.
    Ricetta ottima assolutamente da provare.
    Benvenuto Michele, che possa essere la prima di tante meravigliose ricette visto che so che sei un ottimo cuoco ^_^

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti