subscribe: Posts | Comments

pangialli o pancialle

6 comments
pangialli o pancialle

li conoscete???io si a casa mia era tradizione e solo mia nonna poteva farli e per Natale mi cimenterò :love
http://www.tibursuperbum.it/ita/eventi/gastronomia/Pancialle.htm

NGREDIENTI
  • 375 g di uvetta
  • 375 g di zucchero
  • 375 g di miele
  • 1 arancia
  • 1 limone
  • 375 g di mandorle
  • 375 g di nocciole
  • 150 g di pinoli
  • 375 g di gherigli di noci
  • 100 g di buccia d’arancia candita
  • 100 g di cioccolato fondente
  • 300 g circa di farina

 

Lasciate ammorbidire l’uvetta in una ciotola d’acqua tiepida per trenta minuti. Strizzatela e asciugatela su carta da cucina. In una casseruola mettete lo zucchero, il miele, le bucce grattugiate del limone e dell’arancia, ponete sul fuoco e portare a bollore. Quindi aggiungete prima le mandorle spellate e tostate e, dopo alcuni minuti, le nocciole anch’esse sgusciate e tostate, mescolate con cura. Unite infine i pinoli, le uvette, le noci, la buccia d’arancia candita tritata, il cioccolato fondente tritato e la farina setacciata. Mescolate bene fino a quando il composto risulterà ben amalgamato e cuocete per tre-quattro minuti.

Suddividete l’impasto in dieci porzioni, infarinatele e modellatele con le mani bagnate a forma di piccoli panetti. Eliminate la farina superflua, disponete i panetti sulla placca del forno, fateli asciugare per alcune ore. Cuoceteli a 170° per venti minuti, ritirateli e con un coltellino bagnato rifinite subito i contorni.

Fate riposare i piccoli pangialli per alcuni giorni, tagliateli a fettine e serviteli con un vino dolce. Si conservano per dodici mesi avvolti in carta pergamena.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
  1. si sono previsti ma io li salto perchè non mi piacciono :mrgreen:

  2. Assolutamente sbavoso, ma è tutta frutta secca oppure ci sono anche i canditi come nel panforte?

  3. pochi pochi giusto quelli che si possono usare in famiglia per le feste(cioè almeno a casa nostra è tradizione farli nel periodo di Natale ma non so se per tutti è così 😉 )e seguirò la ricetta che vi ho postato visto che a “ricordo”gli ingredienti son quelli anche se quella stregaccia di mia nonna non vuole svelarmi l’igrediente segreto che rendeva i suoi pangialli famosi e super viaggiatori 😉

  4. e tu come li farai? 🙂 sono cosi goduriosi!
    io adoro la frutta secca!

  5. dipende dal quantitativo ovviamente per un uso domestico non è stancante e sono da pauraaaaa 😀 mia nonna li doveva fare da vendere per il negozio e quindi i quantitativi erano elevati l’impasto enorme e la fatica tanta ma anche lì quando poi assaggiavi un pezzo…ecchetelodicoafà ti ripagava di ogni fatica 😉

  6. non lo conosco ma dev’essere spettacolare!
    mio padre ne andrebbe pazzo
    sembra facile (nel leggere) e vorrei cimentarmi ma ‘mmazza quanta roba!

    si usa per Natale? come i “mustazzoli” qui da noi?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti