subscribe: Posts | Comments

La nostra Pasqua con ricetta per campanelle, colombine e meringata

11 comments
La nostra Pasqua con ricetta per campanelle, colombine e meringata

Metto anch’io qualche foto per farvi vedere cosa ho preparato. Ho avuto undici persone a pranzo il giorno di Pasqua, una mia carissima amica a Pasquetta e ieri è stata pure la festa patronale al paesello. Quindi in cucina per quattro giorni e sono ancora stanchissima.

Allora iniziamo con la colazione di Pasqua e le nostre campanelle dolci:

Campanelle pasquali

Campanelle pasquali

Campanelle pasquali

Campanelle pasquali

Campanelle pasquali

Campanelle pasquali

 

E’ facilissimo farle:
Basta avere un po’ di pasta sfoglia pronta o fate della pasta frolla e la stendete. Poi vi serve una formina a forma di campanella.
Io nella frolla che faccio aggiungo sempre mezzo cucchiaino di lievito in polvere così gonfia in cottura. Nelle foto le ho servite con i lamponi.
Poi i dolci dopo pranzo, c’erano le colombine ripiene di gelato alla stracciatella:

Colombine morbide morbide

Colombine morbide morbide

Colombine morbide morbide

Colombine morbide morbide

Colombine morbide morbide

Colombine morbide morbide

 

COLOMBINE MORBIDE MORBIDE

500 gr di Farina Manitoba
100 gr di Zucchero
100 gr Burro
5 gr Sale
20 gr Lievito di birra
Nr.2 Uova
Nr 1 Tuorli
essenza di mandorla
Scorza d’arancia grattata
170 gr acqua circa
Opzionale:
Mandorle per la guarnizione

PROCEDIMENTO
Impastare tutti gli ingredienti con la metà di acqua
Aggiungete poco per volta il resto dell’acqua
L’impasto deve risultare liscio ed elastico, mettetelo a lievitare per 1 ora coperto con un telo. Io l’ho messo a lievitare nel forno chiuso e spento
Se la pasta risulta troppo molle, rigiratela su se stessa un paio di volte a distanza di una decina di minuti una dall’altra, così facendo, la pasta prende un po’ di forza. Trascorsa l’ora di lievitazione, tagliate dei pezzi da 100 gr. rigirate il pezzo di pasta su se stesso ( incartare ) e di nuovo nell’altro verso.
Nel frattempo preparate una glassa composta da 200 gr di zucchero semolato e 100 gr di farina mischiate bene e aggiungete acqua fino ad ottenere una composto denso ma spalmabile con un pennello, ( non deve colare ) cospargete la colombina senza farla sgonfiare.
Cospargete prima di zucchero semolato e poi con abbondante zucchero a velo. Io le ho messe a lievitare ancora un’oretta in teglia. Cuocere in forno a 220° gradi per 8 / 10 minuti. Una volta raffreddate potete ancora spalmarle con un velo di miele e posizionarci sopra le fettine di mandorle.
Sono ottime per la colazione di Pasqua e potete farle anche ripiene di crema del gusto che più vi piace. Se le utilizzate per il dolce della domenica invece potete riempirle di gelato alla nocciola, per esempio.Slurp!
E la favolosa torta meringata (nocciola e caffè) di mia sorella (l’ha fatta a casa mia e ho guardato tutto il procedimento) eccola:

Meringata

Meringata

qui è già finita

meringata

Questa la ricetta della Meringata al caffè

Ingredienti per le meringhe:

8 albumi
200 gr di zucchero
200 gr du zucchero a velo
una presa di sale
per la farcitura:
500 gr di gelato alla nocciola
250 gr di gelato al caffè
100 gr di panna montata
1 pacchetto di wafer alla nocciola
cioccolato fondente a pezzetti

Innazitutto occorre una ciotola di vetro, ben lavata asciugata e pulita, dove metteremo gli albumi (attente a filtrare bene i rossi, non deve andarne nemmeno una goccia).

Aggiungere lo zucchero semolato e il pizzico di sale e iniziare a montare con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto solido e spumoso (si deve tagliare con il coltello). A questo punto aggiungere lo zucchero a velo mescolando con un cucchiaio di legno, delicatamente.

Accendere il forno a 100° e imburrare uno stampo. Nel mio caso avevamo bisogno di una forma rotonda e di meringa da sbriciolare. Perciò abbiamo utilizzato una tortiera a bordi bassi e una teglia rettangolare.
Dopodiché le abbiamo ricoperte di carta da forno.
Il composto ottenuto dopo aver messo lo zucchero a velo, si lascia riposare qualche minuto e poi dopo averlo versato nelle teglie va in forno per circa 1 h e mezza. Ora viene il difficile.
La cottura va costantemente controllata la meringa non deve assolutamente colorirsi sopra, ma restare candida anche se sarà più consistente. Noi abbiamo controllato la cottura a occhio e dopo questo tempo si lascia asciugare in forno per altri 10 minuti con lo sportello aperto.
Quando si è raffreddata l’abbiamo sformata.
Ora si prende un’altra ciotola (anche in plastica o uan in alluminio se ce l’avete) e si riveste di pellicola trasparente.
Dimenticavo, il gelato va messo fuori del freezer almeno un quarto d’ora prima di comporre il dolce, dobbiamo renderlo cremoso mescolandolo di tanto in tanto.
Prendere la metà del gelato al caffè mischairlo ad un pò di panna e foderare con un cucchiaio il fondo della ciotola. Mettere in frigo. In un altra scodella mescolare il gelato alla nocciola alla meringa (quella in teglia) sbriciolata grossolanamente alla panna riamsta e ai wafer pure sbriciolati e al cioccolato fondente reso a pezzetti piccoli. Con questo composto riempire la ciotola con dentro il gelato al caffè fino a tre cm dal bordo. Metterci su l’altro disco di meringa e ricoprire con il resto del gelato al caffè- Richiudere la pellicola sulla superficie della cupola e mettere in freezer per un paio d’ore.
Al momento di servire sformare dalla ciotola la meringata , spalmarla se necessario con dell’altro gelato al caffè e sbriciolarvi sopra il resto della meringa a pezzi.Potete guarnire con dell’altra panna.
Servite, non ne resterà una goccia. Garantito!

Menù di Pasqua: lasagne ai funghi porcini e salsiccia; arrosto di agnello e contorni vari; provolone “impiccato” con contorno di funghi e piselli al prosciutto. macedonia di frutta, colombine (di Papum) ripiene di gelato; meringata e pastiera.

Menù di Pasquetta: soppressata paesana, ricotta e torta rustica a cubettini, olive e uova sode; pennette al sugo di agnello; brace di carne mista, funghi trifolati. fragole con panna , dolci come sopra.

visto 1227 volte

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
  1. sto ingrassando solo alla vista di questa meringata goduriosissima 🙂

  2. Gnammmmmmmm, che favola….

  3. La cosa goduriosa è gustare il gelato con dentro i pezzi di meringa e di wafer, non sapete quanto!

    ah ovviamente la farcitura potete metterla a piacere con i gusti di gelato che preferite. Ad esempio si potrebbe mettere il gelato alla frutta con i pezzi di fragole e pistacchi sbriciolati, oppure fare la meringa all’ananas con le mandorle sbriciolate, oppure……..lascio alla vostra fantasia!

  4. Oddio avevo messo al ricetta mi si è cancellata. uff dovrò ricominciare.
    ancora un pò di pazienza, vi prego

  5. BEllissimi Giorgia!!!
    io ancora non ho capito come si fa la torta gelato. poi spieghi? per favore!!!

    Complimenti, una tavola ricca di cose strepitose!!!

  6. Uhhhh che meraviglia quella meringata!!!!!!!!!

    Le campanelline sono adorabili 😀

  7. Oddio quella meringata è una libidine, spara ricetta. Subito!!!!! 😉

  8. wow giorgia! noi a pasqua eravamo tornati a casa dopo le vacanze, rientrati sabato notte, frigo vuotissimo e negozi chiusi!
    Puoi immaginarti cosa abbiamo mangiato a pranzo di pasqua!
    E ho pure avuto il coraggio di invitare amici a pasquetta…..
    -l.

  9. la meringata!!!!!!! RICETTAAAAAAAAAAAAA

  10. :silly:

    quella meringata è spettacolosa ma le campanelle dolci sono tenerissime!!! :love

  11. ok. parlaci della meringata
    (è tutto favoloso)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiungi una immagine

Vai alla barra degli strumenti